DICHIARAZIONE CONCLUSIVA DEL 15° CONGRESSO EPA
Date: venerdì 16 settembre 2011


 

 

Uno degli ultimi atti del 15° Congresso dell'EPA è stata la lettura da parte del Presidente Nick Lester del CONGRESS STATEMENT, cioè della Dichiarazione che l'Associazione ha elaborato come riassunto dei risultati dei lavori congressuali.
La riportiamo qui di seguito.

DICHIARAZIONE  CONCLUSIVA

 

Il 15° Congresso EPA ha dimostrato che:

Ø       la gestione professionale della sosta è essenziale per la mobilità urbana.

Ø       La mobilità deve essere sostenibile.

Ø       Le tariffe della sosta dovrebbero essere flessibili per conseguire una mobilità sostenibile e contribuire a rendere le parti centrali delle città, in tutta Europa, vivibili e dinamiche.

Ø       Il traffico causato dalla ricerca del parcheggio è controproducente per gli affari e crea congestione, inquinamento e problemi di sicurezza.

Ø       Dovrebbero essere introdotte nuove iniziative, nuove tecnologie e un nuovo modo di pensare per ottenere il New Deal della sosta.

 

Il Congresso riconosce che tutti (o la maggior parte dei) Paesi europei hanno fatto grandi passi negli ultimi anni per rendere la sosta una questione centrale per la pianificazione delle città, indirizzando le problematiche sulla sicurezza, migliorando la mobilità, creando sistemi di trasporto più efficienti e rendendo le città più interessanti.

 

Il Congresso ha stabilito che non deve esserci sosta libera, poiché – se l’utente non paga – i costi saranno addossati ai cittadini sotto forma di tasse. Ciò è scorretto, inefficiente e inefficace.

C’è anche la necessità urgente di far funzionare meglio la sosta su strada e la sosta in struttura e le politiche tariffarie sono essenziali a questo scopo.

 

Il Congresso ha inoltre puntualizzato l’importanza di far arrivare il messaggio al pubblico, agli stakeholder e agli opinion maker per permettere al settore della sosta di farsi catalizzatore per il cambiamento.

 

Il Congresso riconosce che i messaggi-chiave potrebbero essere i seguenti:

Ø       la sosta su strada può compromettere la qualità del suolo pubblico.

Ø       La sosta fuori del sedìme stradale (o in struttura) permette una maggiore flessibilità a favore di altre funzioni nelle città.

Ø       La tariffazione dovrebbe essere basata sul valore.

Ø       La ricerca del parcheggio causa troppo traffico nella maggior parte dei centri cittadini e ha un grande costo per la comunità.

Ø       La gestione della sosta è uno strumento potente per la gestione della mobilità, che offre molte opportunità.

 

Il Congresso riconosce anche che oggi sono disponibili molte nuove misure, come la sosta digitalizzata e altre innovazioni tecnologiche, sistemi più semplici di pagamento e accesso. Il loro uso dovrebbe essere incoraggiato e richiede la collaborazione di tutti coloro che lavorano nel settore. Allo stesso tempo l’industria ha bisogno di nuovi progetti per assicurare una professionalità maggiore nel settore della sosta in tutta Europa.

 

Per ottenere l’obiettivo del New Deal nella sosta, il congresso riconosce che “poiché la situazione è nuova, occorre pensare in modo nuovo e agire in modo nuovo” (Abramo Lincoln).

 

Torino, 16 settembre 2011



Dichiarazione conclusiva del 15° Congresso EPA

 

  precedenti
homeContattiMappa del sitoNote legali e sulla privacy